About the author

Luca Allevi

Laureato in Economia e Commercio alla Bocconi.
Consulente internazionale presso www.leaders.it

Related Articles

10 Comments

  1. 1

    Giovanni

    Effettivamente certi network di amici assomigliano molto a cosa nostra …

    C'è uno che comanda e tanti pecoroni che lo corteggiano sperando in qualche favore economico …

    Reply
  2. 2

    Franco

    A Bergamo non si spara ma tutto è terribilmente ingessato, peggio che a Palermo.

    Per accedere ad alcuni posti di lavoro devi essere amico dei soliti noti e per potersi sedere ad alcuni tavoli che contano devi evitare di infastidire sempre gli stessi soliti noti.

    Reply
  3. 3

    Serena

    La Curia temo che contibuisca a questa situazione occupando in modo eccessivamente statico uno spazio molto ampio del potere cittadino.

    Probabilmente lo fa involontariamente ma questo è il risultato.

    La Curia dovrebbe avere il coraggio di prendere posizione quando occupa spazio di potere (economia, informazione, politica, ecc..).

    Diversamente non occupi quel poco spazio che c'è in una provincia che è già troppo piccola per essere veramente viva e democratia.

    Reply
  4. 4

    Brembilla

    La cciaa è un centro di potere con un meccanismo che mi ricorda qualcosa ….

    Reply
  5. 5

    Franco

    Nella cciaa i consiglieri sono tutti in conflitto d'interessi con le associazioni che li hanno nominati e nessuno dice niente.

    Da questo centro di potere irregolrmente gestito transitano tutti i nostri soldi e nessuno osa dire alcunchè ….

    Reply
  6. 6

    viva la partecipazio

    Certo che detto da quella faccia lì: mi ricorda uno che si chiamava don Vito… non ricordo più il cognome, ma compariva anche al cinema.

    Reply
  7. 7

    bruno

    La mafia e negli enti statali partendo dai dipendenti stessi,sono loro i primi che impongono bustarelle e tangenti per fornire appalti e posti!sono loro che fanno comunella per agevolarsi ai danni dello stato e delle leggi,non è una questione di regioni, ma di ragione!!

    Reply
  8. 8

    Simona

    A Bergamo si sta iniziando a pensare che l'onestà è un optional e che conviene essere furbi …

    Reply
  9. 9

    Cristoforo

    D'accordo con Simona: non solo si sta pensando così, ma si agisce così. Vedasi i commenti all'articolo sulle scelte di Raimondi.

    Reply
  10. 10

    gino

    La mafia mina la concorrenza così come certi gruppi bergamaschi …

    Un imprenditore non iscritto ad alcuna associazione può liberamente competere ?

    Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Editore Copyright © Devon S.r.l. - 24122 Bergamo via Paglia 27 Partita IVA Codice Fiscale e Registro Imprese di BG 03928940166

Condividi
Nascondi