About the author

Related Articles

10 Comments

  1. 1

    don mario

    Il primo mio commento è: sono le due e venti del mattino, e sono arrivato a un terzo dello "stringato" scritto. Pronostico: i primi commenti non arriveranno prima di lunedì. Però devo dire che si capisce tutto molto bene.

    Reply
  2. 2

    gandalf

    Ma a che ora è finita la conferenza di Herr Franz Joseph ? …. Testo impegnativo e …..

    Reply
  3. 3

    maria

    Quel che mi ha colpito come un pugno nello stomaco è la facile previsione, fatta all'inizio di marzo 2000, ampiamente e logicamente supportata e descritta con precisione, della crisi economica iniziata poi nel 2008. Non credo che il testo e la data della conferenza siano stati taroccati, quindi devo credere che i politicanti e i grandi manager degli Stati siano quasi tutti degli incapaci, dei veri imbecilli, almeno quelli più in vista e sotto questo grave aspetto: è criminale, perciò, lasciare in mano a simili inetti un problema ora enorme come quello dell'islamismo.

    Cambiando argomento, vi faccio osservare che c'è un problema tecnico: articoli successivi non danno più visibilità al dibattito che si sviluppa su articoli precedenti, e lo soffocano. Non essendoci un blog disponibile, la questione diventa importante perchè dimezza l'efficacia e l'interesse del mezzo. Datemi ascolto! E' importante. Maria.

    Reply
    1. 3.1

      Bergamo.info

      Se l'argomento interessa, possiamo farlo galleggiare.

      Se hai dei contributi possiamo inserirli insieme.

      Grazie

      Ciao

      Giuseppe

      Reply
  4. 4

    angelomario

    Che mattone! Però siamo nella politica vera: queste cose la gente le dovrebbe sapere e dovrebbe saper ragionare su questo. Se no, come si fa a dire che il popolo è sovrano? Sovrano di che cosa? Di prenderlo…? Certo che i partiti non vogliono, se no i vari culoni si siederebbero nuovamente nelle fognature da cui in gran parte provengono. Perciò, fino a quando durerà il vostro giornale di libera opinione, moralmente sostenuta? A proposito, ha ragione la Maria: come si fa a sapere che è stato aggiunto oggi il mio commento? Chi lo vede? Non perché valga niente, ma la cosa serve per quelli che valgono e che rimangono nascosti se non si fa passare ogni volta almeno tutte le categorie che interessano. E' come dire di non leggere. E chi non lo sa, non lo saprà mai.

    Reply
  5. 5

    marzio

    La posizione dell'autore mi sembra assai "buonista", troppo, un po' da esteta della socio-politica. Si sta profilando un pericolo, un possibile scontro di civiltà, che è stato erroneamente troppo anticipato nel tempo dalle previsioni di esimi analisti. Quell'errore non deve indurci ad abbassare la guardia: dobbiamo vedere con realismo le cose per quelle che si presentano e che sono. Di potenziale invasione si tratta, e le invasioni hanno sempre dato luogo a guerre tremende: vediamo di reagire in questa ottica, con precauzione e prevenzione. Saluti.

    Reply
  6. 6

    gigi

    La posizione della donna fra gli islamisti, in relazione a quella delle occidentali, non mi sembra esaminata a fondo e messa adeguatamente in rilievo, anche se mi sembra decisiva.

    Reply
  7. 7

    agostino

    In una situazione come quella sopra rappresentata l'atto d'amore di apertura e dialogo assume aspetti di estrema complicazione: innanzitutto, deve essere capito, e, tanto per cominciare, non è poco…

    Reply
  8. 8

    bartolo

    Letto con fatica lo scritto, mi chiedo se non sia il caso di farglielo leggere anche a Bruxelles o a New York o a Washington, dove son pagati per fare tale fatica. Questo, prima di improvvide iniziative nei confronti della Libia. La miccia islamista potrebbe veramente attingere l'esplosiva miscela giacente nelle viscere dei popoli arabi.

    Reply
  9. 9

    don M.

    Mi sono riletto con curiosità lo scritto: è come se il tempo si fosse fermato a quel marzo del 2000, tale e quale, venendo il sospetto che al confronto di uno sbiadito Obama, sbiadito nonostante il colore della pelle, conti quel bieco personaggio della Clinton (B. è un giocoso sbarazzino al confronto), la quale probabilmente è il vero Presidente statunitense, essendolo già stata all'epoca del debosciato (e non solo) marito Bill. La furia di quella donna, oltre alla guerra, a sorpresa ormai dichiarata ufficialmente contro Gheddafi, in realtà – guerra economica – pure contro l'Italia, sta probabilmente innescando una terribile crisi di natura anche religiosa, perchè il mondo islamico non assisterà inerte allo sterminio immotivato della parte di popolazione fortunosamente scampata ai massacri assassini di Gheddafi.

    Chiedo solo di ragionare con coerenza: le torture nei campi di concentramento di Guantanamo perché non dovrebbero essere adeguatamente punite dalla comunità internazionale, magari bombardando qualche obiettivo sensibile, quale ritorsione?. Cos'hanno di diverso gli statunitensi? Sono una razza superiore, forse? Qualcuno ha preso contatto con la Merkel, unica speranza d'Europa?

    Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Editore Copyright © Devon S.r.l. - 24122 Bergamo via Paglia 27 Partita IVA Codice Fiscale e Registro Imprese di BG 03928940166

Condividi
Nascondi