About the author

Related Articles

5 Comments

  1. 1

    Giuseppe

    L'acqua di mare vicino alla centrale nucleare giapponese di Fukushima ha radioattività pari a 1.250 volte il livello normale.

    Ciò significa che nel mondo la radioattività normale si raddoppierà presto.

    Solo questo basta per escludere l'uso di questa energia.

    Reply
  2. 2

    Claudio

    Ieri abbiamo finalmente provato ad imboccare la strada di un più ecosostenibile comportamento soltanto limitandoci a tenere spente le luci per un'ora… perchè non provare a cenare tutte le sere a … lume di candela? Altro che ora legale !

    Vi garantiamo che dopo averci provato si fa fatica a tornare indietro…

    Reply
  3. 3

    Claudio

    … aggiungo che la fusione della candela non genera radioattività ed in più aiuta le persone a vedersi sotto un'altra luce!

    Reply
  4. 4

    Barbara

    Andare in bicicletta, invece di prendere la macchina per fare brevi tragitti. Utilizzare il fornello della cucina con più testa… non sprecare l'acqua…Vogliamo scrivere un decalogo? Ma poi una volta scritto quanti di NOI si IMPEGNANO DAVVERO A FARLO!!?! A cosa sappiamo rinunciare? Il CONSUMISMO è una brutta bestia, chi è convinto di esserne fuori?

    Reply
  5. 5

    Paolo

    Ora come ora in Italia il nucleare ottenuto dal processo di fissione partendo dall' uranio è sicuramente da escludere come ipotesi per una futura indipendenza energetica,non solamente per via del pericolo che comporta e per via delle scorie radioattive che impiegano milioni di anni a scomparire,ma anche perchè i tempi e i costi impiegati sarebbero eccessivi:ecco perchè penso che bisognerebbe investire sulle energie alternative e rinnovabili;una via di mezzo reale,concreta, è quella proposta dal premio nobel Carlo Rubbia, che consiste nello sfruttare(sempre in un procedimento concernente il nucleare) un diverso materiale rispetto all'uranio,ossia il torio,presente in Italia, facile e più sicuro da trattare,con una produzione di scorie assai inferiore rispetto all' uranio(impiegherebbero infatti poche centinaia di anni per scomparire,non milioni…).

    Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Editore Copyright © Devon S.r.l. - 24122 Bergamo via Paglia 27 Partita IVA Codice Fiscale e Registro Imprese di BG 03928940166

Condividi
Nascondi