About the author

Related Articles

7 Comments

  1. 1

    Bergamo.info

    Nello spazio intimo della BellaSopranoLibrary, luogo di pensiero sulla moda, vengono rielaborate immagini di pubblicità e di servizi scandalistici. La rielaborazione riporta tali immagini, oggi viste e subito buttate per nuove altre immagini, a una ritrovata dimensione di analisi, data prima di tutto dalla trasposizione pittorica, che crea un tempo di lettura diverso. In esse viene celata una precisa iconografia che separa il potente (o presunto tale) dal fruitore della comunicazione. L'iconografia, composta da elementi facilmente identificabili, serve a rendere cosciente dell'intangibilità del potere contemporaneo, che non lascia altra possibilità al consumatore che essere servo (così come il santo medievale non lasciava allo spettatore che essere devoto). È davvero così nuovo il potere contemporaneo?!

    Reply
  2. 2

    luca

    A domani, allora!. Luca

    Reply
  3. 3

    Altdorfer

    L'oblio della memoria è il mezzo mediante il quale il potere, perciò detto mediatico, impedisce che le immagini divengano futuro. Onde l'uomo possa sperare in un futuro che sia suo. Tale potere è l'aborto istituzionalizzato delle immagini, che debbono scomparire non appena compaiono e che possono essere "salvate" soltanto attraverso una "ritrovata dimensione di analisi, data in primo luogo dalla trasposizione pittorica". Nella salvezza di quelle immagini, nel poterle fissare per il tempo necessario e ammirare nella loro genuina scaturigine, sta il principio dell'effettività della salvezza dell'uomo. Soprattutto in questo consiste oggi l'opera d'arte: ma in fondo è sempre stato così. L'odierno continuo occultamento delle immagini per sovrapposizione, così come per impressione di enorme marchio che le calpesta e travisa, può essere disvelato soltanto se il fruitore è in grado di capire il meccanismo di oppressione che esse con-recano, nella loro imprendibile dinamica come nella loro ostentata fissità. Al fruitore, dunque, occorre fornire i mezzi culturali per capire e per ammirare le immagini disvelate, e così rese libere. Grande è la responsabilità dell'artista, grande il suo potere "mediatico".

    Reply
  4. 4

    A.M.F.

    Il marchio o l'etichetta che esibiscono uno stronzo sono simboli di potere o di assoggettamento a poteri? O entrambe le cose? In fondo il marchio è né più né meno che la mia marchetta sulla prostituta, l'affermazione della possibilità da parte mia di usare uno strumento, che nemmeno debbo costrurmi, perchè ho il potere di comprarlo, predisposto per rendere oggetto tutto ciò che incontro nella natura, a farmi dio di ogni cosa e di ogni essere.

    Reply
  5. 5

    Aristide

    Non capisco dove voglia arrivare il post di A.M.F., quello del 7 aprile delle 13 h 14 min. Cioè, capisco che il riferimento possa essere al marchio al quale ha accennato l'uomo del borgo antico nel post del 6 aprile 15 h 48 min. Osservo anche che nel post di A.M.F. si parla di marchio o di etichetta, nonché di «stronzi che li esibiscono»: ecco allora che mi viene da pensare al marchio di Dolce e Gabbana, o ad altre amenità del genere. Cioè, mi domando: vogliamo fare un discorso sulla pubblicità, sul logo e non-logo? Però mi sfugge la posizione assunta dall'interlocutore: è una posizione, per così dire, libertina? Cioè: a me piacciono i capi firmati e a voi che ve ne importa? O, al contrario, è una posizione piagnona o anche patarina (pare che stiano tornando di moda), nel senso che andar per marchi è esecrabile, come la frequentazione di pubbliche e venali peccatrici? O, infine, è una posizione filosofica, in linea oltretutto con l'Ecclesiaste (“Vanità delle vanità ecc.”)? Se la posizione è filosofica, suggerisco che si prenda utilmente spunto dal titolo di un libro scritto da un pubblicitario di successo (se ben ricordo il libro stesso fu di notevole successo): “Non dite a mia madre che faccio il pubblicitario. Lei mi crede pianista in un bordello”.

    Reply
  6. 6

    A.M.F.

    Grande Aristide, è proprio l'ultima delle ipotesi da Te formulate quella che con linguaggio crudo intendevo porre in discettamento, costringendo i lettori a una preventiva analisi… cioè quella che hai già fatto Tu. Mi piacerebbe leggere un parere al riguardo del nostro artista che, se non ho letto male, sa e pensa quel che scrive.

    Reply
  7. 7

    Laura Ghilardi

    Non mi hai detto della mostra! Pensa che Umberto il giorno dell'inaugurazione era proprio lì da quelle parti. Verrò a vedere con Tina e la mamma.

    Reply

Rispondi a A.M.F. Cancel Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Editore Copyright © Devon S.r.l. - 24122 Bergamo via Paglia 27 Partita IVA Codice Fiscale e Registro Imprese di BG 03928940166

Condividi
Nascondi