About the author

Related Articles

One Comment

  1. 1

    Trilussa

    Un giorno tutti quanti l’animali
    sottomessi ar lavoro
    decisero d’elegge un Presidente
    che je guardasse l’interessi loro.
    C’era la Società de li Majali,
    la Società der Toro,
    er Circolo der Basto e de la Soma,
    la Lega indipendente
    fra li Somari residenti a Roma;
    e poi la Fratellanza
    de li Gatti soriani, de li Cani,
    de li Cavalli senza vetturini,
    la Lega fra le Vacche, Bovi e affini…

    Tutti pijorno parte all’adunanza.
    Un Somarello, che pe’ l’ambizzione
    de fasse elegge s’era messo addosso
    la pelle d’un leone,
    disse: – Bestie elettore, io so’ commosso:
    la civirtà, la libbertà, er progresso…
    ecco er vero programma che ciò io,
    ch’è l’istesso der popolo! Per cui
    voterete compatti er nome mio. –
    Defatti venne eletto proprio lui.
    Er Somaro, contento, fece un rajo,
    e allora solo er popolo bestione
    s’accorse de lo sbajo
    d’avé pijato un ciuccio p’un leone!
    – Miffarolo! – Imbrojone! – Buvattaro!
    – Ho pijato possesso:
    – disse allora er Somaro – e nu’ la pianto
    nemmanco se morite d’accidente.
    Peggio pe’ voi che me ciavete messo!
    Silenzio! e rispettate er Presidente!
    (Er Sorcio de città e er Sorcio de campagna – Trilussa)
    Un Sorcio ricco de la capitale
    invitò a pranzo un sorcio de campagna.
    Vedrai che bel locale,
    vedrai come se magna…
    je disse er Sorcio ricco. – Sentirai!
    Antro che le caciotte de montagna!
    Pasticci dórci, gnocchi,
    timballi fatti apposta,
    un pranzo co’ li fiocchi! una cuccagna! –
    L’istessa sera, er Sorcio de campagna,
    ner traversà le sale
    intravidde una trappola anniscosta:
    Collega, – disse – cominciamo male:
    nun ce sarà pericolo che poi…?
    Macché, nun c’è paura:
    j’arispose l’amico – qui da noi
    ce l’hanno messe pe’ cojonatura.
    In campagna, capisco, nun se scappa,
    ché se piji un pochetto de farina
    ciai la tajola pronta che t’acchiappa;
    ma qui, si rubbi, nun avrai rimproveri:
    le trappole so’ fatte pe’ li micchi:
    ce vanno drento li sorcetti poveri,
    mica ce vanno li sorcetti ricchi!
    (Er congresso de li cavalli – Trilussa)
    Un giorno li Cavalli,
    stufi de fa’ er Servizzio,
    tennero un gran comizzio de protesta.
    Prima parlò er Cavallo d’un caretto:
    Compagni! Si ve séte messi in testa
    de mijorà la classe,
    bisogna arivortasse a li padroni.
    Finora semo stati troppo boni
    sotto le stanghe de la borghesia!
    Famo un complotto! Questo qui è er momento
    d’arubbaje la mano e fasse sotto!
    Morte ar cocchiere! Evviva l’anarchia! –
    Colleghi, annate piano: –
    strillò un polledro giovane
    d’un principe romano –
    ché se scoppiasse la rivoluzzione
    io resterebbe in mezzo a un vicoletto
    perché m’ammazzerebbero er padrone.
    Sarà mejo, piuttosto,
    de presentà un proggetto ne la quale…-
    Odia micchi, gras tibbi, è naturale!
    disse un morello che da ventun’anno
    stracinava el landò d’un cardinale. –
    Ma se ce fusse un po’ de religgione
    e Sant’Antonio nostro c’esaudisse…-
    L’Omo, che intese, disse: – Va benone!
    Fintanto che ‘sti poveri Cavalli
    vanno così d’accordo
    io faccio er sordo e seguito a frustalli!
    (Er compagno scompagno – Trilussa)
    Un Gatto, che faceva er socialista
    solo a lo scopo d’arivà in un posto,
    se stava lavoranno un pollo arosto
    ne la cucina d’un capitalista.

    Quanno da un finestrino su per aria
    s’affacciò un antro Gatto: – Amico mio,
    pensa – je disse – che ce so’ pur’io
    ch’appartengo a la classe proletaria!

    Io che conosco bene l’idee tue
    so’ certo che quer pollo che te magni,
    se vengo giù, sarà diviso in due:
    mezzo a te, mezzo a me…Semo compagni!

    No, no – rispose er Gatto senza core –
    io nun divido gnente co’ nessuno:
    fo er socialista quanno sto a diggiuno,
    ma quanno magno so’ conservatore!

    Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Editore Copyright © Devon S.r.l. - 24122 Bergamo via Paglia 27 Partita IVA Codice Fiscale e Registro Imprese di BG 03928940166

Condividi
Nascondi