About the author

Related Articles

4 Comments

  1. 1

    A.M.F.

    Sull'argomento, specie in riferimento ai cambiamenti da attuare ulteriormente, segnalo l'interessantissimo articolo del prof. Marco Olivetti su http://www.Avvenire.it/ del 13 aprile 2011

    Migranti, la tensione tra l'Italia e altri governi del Vecchio Continente

    Come stare nell'Europa della sussidiarietà

    Lo scenario politicamente disgustoso, di cui si sono resi protagonisti alcuni governi europei sulla vicenda dei clandestini tunisini affluiti in Italia in queste settimane, sconcerta assai di più del modo confuso con il quale il governo italiano e le regioni hanno gestito (con l’occhio sia alla pancia di certo elettorato sia all’oggettività dei problemi) una situazione per molti aspetti non facile. Ma questa vicenda non sarà del tutto inutile se aiuterà l’opinione pubblica italiana ad affrontare la domanda che, in maniera un po’ sommaria, il ministro dell’Interno ha posto, provocatoriamente, lunedì: esiste ancora un interesse nazionale italiano al processo di integrazione europea?

    Si tratta di una domanda dolorosa, per quello che per decenni è stato il Paese più europeista del continente. Un europeismo "a prescindere", dalle nobili radici. Avevamo "fatto da soli" già in precedenza, durante il fascismo. Ammaestrati da questa esperienza, sulla scia dell’europeismo cristianamente ispirato di Alcide De Gasperi e del federalismo laico di Altiero Spinelli, gli uomini di governo italiani sono stati per decenni accaniti sostenitori dell’obiettivo degli Stati Uniti d’Europa. In questo avevano una sponda sicura nella Germania post-bellica, quella della Repubblica di Bonn, socialdemocratica e democristiana, così diversa dalla Germania di Berlino di questo inizio secolo, guidata da politici provenienti dall’ex Ddr e immobilizzata nel suo ritrovato gigantismo un po’ come l’America repubblicana ed isolazionista degli anni Venti del Novecento.

    Questo europeismo "a prescindere" non era certo privo di lati oscuri, quali ad esempio l’abituale ritardo nell’implementazione delle direttive comunitarie. Ma portava comunque l’Italia della Prima Repubblica ad ingoiare l’arroganza dei governi francesi, con la loro costitutiva propensione alla grandeur da cortile (si ricordino le svalutazioni imposte alla lira da Mitterrand nei primi anni Ottanta, dopo il fallimento delle nazionalizzazioni targate Psf, o, ancor prima, all’ipernazionalismo di De Gaulle). Ai governi italiani degli anni Ottanta e Novanta si deve, poi, un’azione determinata sia a sostegno del progetto di Costituzione approvato dal Parlamento europeo nel 1984 (ma rigettato dagli Stati membri) sia nel cammino verso Maastricht (nel quale Andreotti e De Michelis non ebbero timore di scontrarsi frontalmente con un gigante politico come la signora Thatcher).

    La classe politica della cosiddetta Seconda Repubblica ha invece avuto un altro approccio: le forze di centrosinistra hanno assunto l’eredità del vecchio europeismo "a prescindere", mentre il centrodestra (soprattutto, ma non solo, la Lega) ha gradualmente elaborato una certa dose di euroscetticismo, sia pure rimasto a un confuso stato emozionale. Entrambi gli atteggiamenti, peraltro, non hanno preso fino in fondo atto che, dopo Maastricht, la realtà dell’Europa è profondamente mutata, sia rispetto alla realtà fragile degli anni Sessanta e Settanta, sia rispetto ai sogni federalisti.

    L’«Europa della sussidiarietà» è una unione costituzionale di Stati che rimangono sovrani, ma vedono la loro statualità radicalmente trasformata dai processi di integrazione, al punto che quasi nessun settore del diritto interno, anche costituzionale, è rimasto estraneo alle conseguenze di essi. Un tale assetto richiede approcci nuovi, che devono sapientemente combinare visione europea e difesa in Europa dell’interesse nazionale, nella consapevolezza che la tutela di quest’ultimo può richiedere anche strappi. Per questo motivo anche l’appello del capo dello Stato, a escludere conseguenze del voto europeo anti-italiano di lunedì, è figlio di un approccio mentale vecchio.

    Chi cercasse un modello politico, ne potrebbe trovare uno nella storia italiana di alcuni decenni orsono: Giovanni Marcora, ex partigiano, dc basista lombardo e ministro dell’Agricoltura dal 1974 al 1982, era un europeista convinto, ma era anche il terrore dei ministri dell’Agricoltura d’Europa per la "feroce" determinazione – fatta di diplomazia abile e di capacità di scontro – con cui proteggeva in Europa gli interessi dell’agricoltura italica. Come del resto avevano sempre fatto belgi e olandesi, altre colonne dell’europeismo post-bellico.

    Abbandonando europeismo "a prescindere" ed euroscetticismo, o forse combinandone alcuni aspetti, è in uno sguardo simile che si può trovare la chiave per "stare" in Europa senza sciocche illusioni, ma nella consapevolezza che, se le nazioni sono un plebiscito quotidiano, anche l’integrazione europea è una complessa dinamica di negoziati, conflitti e compromessi ove l’Italia deve elaborare un modo adulto per essere presente e influente, da Stato fondatore e conformemente all’unicità della sua storia e alle sue potenzialità politiche ed economiche.

    Marco Olivetti

    Reply
  2. 2

    Pepe

    Grazie Francesco, questo giornale d'opinione è veramente l'unico strumento che abbiamo per non perdere l'unica cosa che non ci possono rubare: la libertà di pensare con la nostra testa !!!!

    Reply
  3. 3

    maria

    Quello che mi impressiona è l'attualità crescente dell'articolo: i giorni passano e le notizie non sono tali. Quel che in questo momento di crescente disperazione servirebbe, sulle pagine dei giornali, alla televisione, sui media in genere non c'è. Giusto affidarci alla Parola di Dio, e speriamo che la Risurrezione di Gesù illumini, ma dove stiamo andando? Anzi, dove stiamo precipitando?

    Reply
  4. 4

    Kamella Scemì

    Alla implicita domanda di Nosari risponde qualche tempo dopo Sua Santità Benedetto XVI nel corso dell'udienza a Castel Gandolfo concessa ai partecipanti alla 17ª Assemblea delle Radio dell’European Broadcasting Union. Il Papa dice subito quale deve essre il compito dei mass media: servire la pace e la verità sull’uomo cioè, per dirla con le Sue auguste parole, «alimentare ogni giorno una corretta ed equilibrata informazione e un approfondito dibattito per trovare le migliori soluzioni condivise» sulle questioni che mettono «in gioco valori basilari per il bene dell’umanità».

    «Voi sapete bene – ha detto il Papa – quali preoccupazioni nutre la Chiesa cattolica a proposito del rispetto della vita umana, della difesa della famiglia, del riconoscimento degli autentici diritti e delle giuste aspirazioni dei popoli, degli squilibri che causano sottosviluppo e fame in tante parti del mondo, dell’accoglienza dei migranti, della disoccupazione e della sicurezza sociale, delle nuove povertà ed emarginazioni sociali, delle discriminazioni e delle violazioni della libertà religiosa, del disarmo e della ricerca di soluzione pacifica dei conflitti». Benedetto XVI ha sottolineato come quello fornito dai media in genere sia un «servizio pubblico», un servizio alla gente per «aiutarla ogni giorno a conoscere e a capire meglio ciò che succede e perché succede» in modo da concorrere così «al cammino comune della società». E ha riconosciuto come questo servizio incontri al mondo d’oggi «difficoltà», seppur «con differenti aspetti e proporzioni nei diversi Paesi». Ma quali possono essere queste difficoltà?

    Qui sta la parte più interessante, quella di contiguità coll'articolo in commento: Benedetto XVI le elenca così: «la sfida della concorrenza da parte dell’emittenza commerciale; il condizionamento di una politica vissuta come spartizione del potere invece che come servizio del bene comune; la scarsezza di risorse economiche accentuata da situazioni di crisi; l’impatto degli sviluppi delle nuove tecnologie di comunicazione; la ricerca affannosa dell’audience». «Ma troppo grandi e urgenti sono le sfide del mondo odierno di cui dovete occuparvi, – aggiunge subito il pontefice agli addetti ai lavori – per lasciarvi scoraggiare e arrendervi di fronte a queste difficoltà». Il Pontefice ha anche ribadito la «vena di ottimismo, di speranza e di simpatia sincera» nutrita dalla Chiesa verso coloro si impegnano nel campo radiotelevisivo «per favorire l’incontro e il dialogo, servire la comunità umana, contribuire alla crescita pacifica della società». E non ha mancato di notare il «ruolo non secondario» giocato dalle «nuove forme di comunicazione» ai «processi in corso in Paesi del Mediterraneo e nel Vicino Oriente». «Vi auguro – ha aggiunto – di saper mettere i vostri contatti internazionali e le vostre attività al servizio di una riflessione e di un impegno affinché gli strumenti delle comunicazioni sociali servano al dialogo, alla pace e allo sviluppo solidale dei popoli, superando le distanze culturali, le diffidenze e le paure».

    Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Editore Copyright © Devon S.r.l. - 24122 Bergamo via Paglia 27 Partita IVA Codice Fiscale e Registro Imprese di BG 03928940166

Condividi
Nascondi