About the author

Luca Allevi

Laureato in Economia e Commercio alla Bocconi. Consulente internazionale presso www.leaders.it

Related Articles

12 Comments

  1. 1

    rino

    Dopo quattro settimane in cui la centralissima piazza madrilena, Puerta del Sol, è stata trasformata nel simbolo della protesta popolare in Spagna, protesta scaturita dopo gli scioperi e la crisi che sta colpendo il paese, i giovani manifestanti hanno iniziato a smontare l’accampamento. Un portavoce del movimento ha promesso che si continuerà a protestare: “La piazza resterà comunque un luogo d’assemblea, continueremo a lavorare e proseguiremo la nostra attività via web”. Il movimento era nato in maniera spontanea lo scorso 15 maggio dopo una manifestazione contro il Governo.

    Reply
  2. 2

    pepe

    Noi italiani vogliamo vivere da greci o da tedeschi?

    L'importante è essere coerenti: stile di vita, economia e valuta devono rispecchiarsi.

    Reply
  3. 3

    Aristide

    Proprio così: un’economia debole non può sopportare il peso di una valuta forte. È quanto sostiene Pagliarini, del quale leggiamo in un'altra pagina di questo sito (vedi 'Il bergamasco Pagliarini…'). Vedi in particolare il video su You tube http://www.youtube.com/watch?v=lfPKroXicVA, parte 1 e parte 2, dove il concetto è illustrato.

    Reply
  4. 4

    crostone

    Dopo Standard & Poor's anche Moody's avverte l'Italia che potrebbe tagliare il rating ai titoli di Stato. L'agenzia statunitense ha annunciato in una nota di aver posto il giudizio di «Aa2» assegnato all'Italia sotto revisione in vista di un possibile ribasso. Si tratta della valutazione della sostenibilità del debito pubblico. Solo lo scorso aprile la stessa Moody's aveva rassicurato sul fatto che il nostro debito era «sotto controllo».

    Elementi del possibile giudizio in regresso sul debito dell'Italia: «Le sfide sul fronte della crescita dovute a debolezze strutturali dell'Italia ed una probabile crescita dei tassi di interesse nel prossimo futuro. I rischi collegati all'attuazione dei piani di consolidamento dei conti pubblici che sono richiesti per ridurre l'indebitamento italiano e mantenerlo a livelli sostenibili. E i rischi collegati dal cambiamento delle condizioni di finanziamento per i Paesi europei con alti livelli di debito».

    La frittata è in arrivo, pronta per essere servita ai risparmiatori italiani.

    Reply
  5. 5

    Pepe

    La Grecia continua ad essere il principale tema. Dopo un ulteriore peggioramento della situazione a causa della sempre più risicata maggioranza del governo Papandreou, la settimana passata si è chiusa con un rimbalzo dell’Euro ed un restringimento degli spread grazie al passo indietro che il governo tedesco ha fatto sull’entità e il tipo di coinvolgimento richiesto al settore privato per il nuovo indispensabile programma di aiuti in grado di tenere la Grecia fuori dal mercato almeno fino al 2014. Ora c’è un maggiore allineamento con ECB (e Francia) e siamo ben lontani dal tono della lettera del ministro delle finanze Schauble all’ECB di un paio di settimane fa: verranno richiesti solo i cosi’ detti roll-over.

    Reply
  6. 6

    tommaso

    Crisi e problemi. Occorre celermente una moralità. Una condotta diversa. Un modo di agire completamente diverso.

    Reply
  7. 7

    antonio

    Angoscia. Conflitti. Frustrazioni. C'è una rivoluzione da fare. Non con le teorie e le ideologie. Ma con un deciso cambiamento delle nostra ragione (nel senso della testa).

    Reply
  8. 8

    tommaso

    Altri (non noi), nel passato e di recente, hanno preso decisioni.

    Il nostro futuro (ovvero il futuro della nostra civiltà) dipende da quelle decisioni.

    La politica, il diritto, la scienza e l’economia hanno deciso di volta in volta “singolarmente” e “disgiuntamente”.

    Le decisioni prese hanno creato via via infinite spaccature all’interno sia della politica, che del diritto, etc.

    L’accumulo di decisioni incoerenti è fuori controllo.

    Difficile basare su queste (decisioni) una qualsivoglia politica.

    Il nostro futuro è a rischio.

    Futuro gemello di rischio, come non mai.

    Reply
  9. 9

    shitward

    Non è giusto che noi ci si preocupi dell'avvenire?

    Reply
  10. 10

    lorenzo

    la Grecia NON uscirà dall'euro; noi continueremo a girare intorno al palo della nostra ignavia mentre il Gattopardismo imperante continuerà ad aumentare i costi della politica e noi a mangiare meno; siamo dei pecoroni.

    Reply
  11. 11

    vecchiobepo

    Quella delle decisioni in realtà è una foresta.

    Reply
  12. 12

    antonio

    Forse che morti non viviamo solo in apparenza noi greci caduti nella sventura, immaginando il sogno vita? O viviamo ora che vita è morte?

    Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Editore Copyright © Devon S.r.l. - 24122 Bergamo via Paglia 27 Partita IVA Codice Fiscale e Registro Imprese di BG 03928940166

Condividi
Nascondi