About the author

Luca Allevi

Laureato in Economia e Commercio alla Bocconi. Consulente internazionale presso www.leaders.it

Related Articles

2 Comments

  1. 1

    mario

    Credo di intendermene un po' di costruzioni: un impianto industriale (perché sostanzialmente un ospedale è tale) in un luogo del genere non lo si può nemmeno pensare, proprio per il reciproco possibile inquinamento delle acque stagnanti coll'edificio e gli impianti connessi. Al massimo, un impianto industriale va pensato non distante da un fiume, come facevano un tempo nelle nostre valli… e i risultati sono stati vantaggiosi, pur con le conseguenze ambientali derivate. Oggi, con i mezzi e servizi tecnici disponibili, la cosa più logica è costruire un impianto industriale, specie se ospedaliero, in un luogo asciutto, facile da isolare e controllare, come accade in Israele e come hanno fatto anche in Francia, a Villejuif, vicino Parigi, patria dei progettisti del nostro ospedale. Perché là sì e qui no? C'è stato qualche ulteriore "inquinamento", che magari ricorda quelli socialisti del passato?

    Reply
  2. 2

    ana

    Osservo che il titolo non è esatto: a Venezia l'ospedale è su un'isola e i fabbricati poggiano su palificazioni. A Bergamo i "santificetur", agendo come fossero a Palermo, hanno immerso l'ospedale nell'acqua paludosa di Loreto, nella melma, cui sono abituati, ….

    Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Editore Copyright © Devon S.r.l. - 24122 Bergamo via Paglia 27 Partita IVA Codice Fiscale e Registro Imprese di BG 03928940166

Condividi
Nascondi